Buchi alle orecchie, quando farli?

Se avete una figlia femmina prima o poi vi scontrerete con la fatidica rischiesta: “mamma/papà, posso farmi i buchi alle orecchie?”. Le altre compagne di classe li hanno già e così iniziano le prime richieste e “pressioni”. Ma qual è il momento giusto per concedere i buchi alle orecchie?
Secondo gli esperti l’ideale è attendere che il bambino sia adolescente ma, c’è da dire che oggi i ragazzi a 13/14 anni iniziano in realtà a farsi bucare il naso oppure sono al secondo o terzo buco per ogni orecchio. Quindi, è buona norma attendere almeno i sei anni. Questo non ha a che fare con il lato estetico ma salutistico. Prima c’è un maggior rischio che si sviluppino infezioni e reazioni allergiche.

Non tutti seguono questo consiglio però. Qualche genitore infatti chiede di fare i buchi alle orecchie delle proprie bambine, quando sono in ospedale. La verità è che non ci sono regole fisse da seguire. Gli esperti danno consigli ma poi ogni genitore può decidere in base al proprio sentire. Indicativamente dicono di farli dopo i sei anni, quando il sistema immunitario è più forte e riesce a resistere meglio alle infezioni e reazioni allergiche. Tuttavia quando dietro c’è una predisposizione allergica, anche fare da adulti i buchi alle orecchie può causare controindicazioni.

Altre cose da sapere sui buchi alle orecchie

  • Materiale: l’oro è il materiale più sicuro, tuttavia considerando che non è mai usato puro al suo interno possono esserci leghe che provocano irritazione. Va bene anche l’argento o il titanio, si presenta però lo stesso problema dell’oro. Non vanno bene invece gli orecchini in nichel e cromo, perché allergenizzanti.

  • Dove: potete far bucare le orecchie a vostra figlia in farmacia oppure in gioielleria. Decono utilizzare pistole pneumatiche apposite che effettuano il buco in un secondo e in modo sicuro. Da evitare il fai-da-te perché può provocare allergie molto serie così come non dovete rivolgervi al personale non qualificato.

  • Igiene: prima di fare il buco la zona va disinfettata. Devono essere usati aghi sterili. Subito dopo la zona deve essere disinfettata e per una settimana da quando il buco è fatto, va applicata la pomata antibiotica.

  • Quando non vanno fatti: se ci sono malattie infettive in corso, se soffre di allergia, dermatite atopica oppure se semplicemente non si sente molto bene, nell’ultimo caso basta rimandare.

  • In caso d’infezione: la zona diventa rossa, gonfia e la sensazione è d’indolenzimento. Può comparire anche del pus.

  • In caso di allergia: la zona è gonfia, rossa e prude. Possono comparire bollicine e zone esfoliate.

  • Come comportarsi se c’è allergia o infezione: vanno tolti gli orecchini ed è molto importante parlare subito con il pediatra che consiglierà probabilmente una pomata cortisonica e un antistaminico. In caso d’infezione prescriverà una pomata antibiotica.

  • Buco richiuso: il buco può richiudersi. Se è passato poco tempo potete riaprirlo con la punta dell’orecchino, se sono passati anni o comunque prova molto dolore, probabilmente si è cicatrizzato e deve essere rifatto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close