Troppi compiti per casa. Perché è importante farne così tanti

Troppi compiti per casa. Con l’inizio dell’anno scolastico, ritorna il dramma di genitori e figli. Perché è importante farne così tanti?

Con il rientro a scuola ricomincia il problema dei compiti a casa e i bambini entrano in crisi assieme alle mamme per organizzare il tempo tra sport, musica e tempo libero.

La mole di compiti da fare ogni giorno a casa è davvero tanta. Si inizia fin dalla prima classe elementare con la prima scrittura e i conticini matematici. Si passa poi alle classi successive con il tema, il riassunto e il disegno. Poi ci sono tutti gli esercizi di matematica e lo studio orale di storia, geografia e scienze. Per non parlare delle esercitazioni di grammatica italiana che sembrano non avere mai fine.

I compiti da fare a casa stanno diventando sempre di più, perché con il programma ministeriali, gli insegnanti non sanno come fare e appena inizia la scuola non perdono un secondo di tempo.
Considerando i giorni di vacanza, gli scioperi e gli imprevisti di ogni Istituto, alla fine dell’anno gli insegnanti si trovano con l’acqua alla gola.

Con i compiti a casa si accelera l’apprendimento degli argomenti.

Si evita così di doversi soffermare troppo a lungo su ciascuno e il programma scorre che è un piacere.
Sono questi i motivi principali che spingono gli insegnanti ad assegnare troppi compiti a casa.

Quali sono i vantaggi per un bambino di fare troppi compiti per casa?

“Studiare più ore non comporta necessariamente risultati di apprendimento migliori”.
A sostenerlo è un’indagine dell’Ocse, dove emerge anche che in Italia gli studenti passano troppo tempo a fare i compiti.
Da una ricerca dell’Ocse ( l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), dal titolo: “Gli studenti impiegano abbastanza tempo per imparare?” emerge che chi passa troppo tempo a fare i compiti non serve per forza a migliorare le prestazioni.

Sono stati presi a campione giovani quindicenni provenienti da tutto il mondo. Sottoposti a test di scienze, matematica e lettura, in rapporto alle ore dedicate allo studio, il risultato è che

chi studia di più a casa non ottiene per forza risultati migliori.

E pensare che le migliori scuole, almeno come si dice, tengono molto a usare questi metodi di studio fin dal primo anno della scuola primaria. Si ritiene che è indispensabile che i bambini a casa si esercitino moltissimo per facilitare l’apprendimento.

Dove hanno il tempo questi bambini per giocare e stare con i propri coetanei?

Senza parlare poi del rapporto con i genitori. Non si parla più e la sera tutti crollano dalla stanchezza.
L’anno scolastico diventa un periodo di stress eccessivo e nemmeno le vacanze estive sono sufficienti a permettere una ripresa fisica ed emotiva di bambini e genitori.

Secondo gli insegnanti è necessario assegnate molti compiti per casa agli alunni.

Ritengono che questo aiuti i bambini ad un veloce apprendimento di quanto imparato a scuola. Con i numerosi esercizi di matematica e quelli grammaticali, si permette ai bambini di memorizzarli bene e non dimenticarli più.

Vero è che imparare a memoria le tabelline richieda del tempo o capire e mettere in atto argomenti di grammatica non è facile.
Non si possono però sovraccaricare di compiti bambini anche piccoli che hanno bisogno anche di riposarsi e di giocare.

Troppi compiti Il gioco non finisce a cinque anni

Rappresenta per i bambini un mezzo di comunicazione e di sfogo delle proprie emozioni. Se non si permette ai bambini di giocare,

Si rischia che si chiudano in se stessi e non esternino le loro emozioni e ciò che provano.

Rischiamo di non poter entrare nel loro mondo perché si sono costruiti uno scudo impenetrabile.

La Finlandia è il paese in vetta alla classifica del PISA (Influential Programme for International Student Assesment) che misura alfabetizzazione e capacità matematiche degli studenti.
I quindicenni studiano settimanalmente solo per 2,2 ore la matematica, 1,9 ore il finlandese e 2 ore le scienze.
Nella classifica, l’Italia è al 34° posto e le ore dedicate ai compiti sono il doppio: 4,1 di matematica e scienze e 4,4 di italiano.

Il parere delle mamme. Troppi compiti a casa fanno male

Per capire meglio quanto negativamente incida sovraccaricare di compiti per casa i bambini, dovremmo chiederlo alle mamme.
Come mamma di due figli già grandi, posso dare la mia testimonianza in merito. Avendo seguito entrambi i percorsi scolastici, ho potuto notare delle differenze nette tra chi ha frequentato una scuola di alto livello e una nella media.
Dal punto di vista emotivo, ne ha beneficiato chi ha vissuto un percorso scolastico senza pressioni.
– Per quanto riguarda il figlio che fin dalle elementari studiava a scuola e a casa aveva pochissimi compiti, l’amore per la lettura e la voglia di sapere ha continuato per tutto il corso di studi. Nonostante la scuola non fosse di primo livello, le insegnanti si sono mostrate molto disponibili con le famiglie. Hanno intrapreso un percorso scolastico che prevedeva l’incontro con i genitori per confrontarsi sulle esigenze degli alunni.

A scuola hanno lavorato, approfondendo gli argomenti con lavori di gruppo. Se qualcuno restava più indietro, i bambini più bravi lo aiutavano assieme alle maestre.

Mio figlio, in questo contesto è cresciuto sereno e indipendente nello studio.

Non è stato necessario l’intervento a casa per approfondire le nozioni e impiegare anche il weekend sui libri.
– L’esperienze con l’altro figlio è stata opposta. Scelta una delle migliori scuole, con le altre mamme, allo scopo di avere di meglio. Non è risultato come le nostre aspettative credevano.
Troppi compiti a casa e stress di tutta la famiglia. In questo modo il bambino è cresciuto in un clima emotivo disturbato che ha impedito un apprendimento veloce e sereno.
La poca disponibilità degli insegnanti di venire incontro alle esigenze delle famiglie non è stato produttiva. La pressione dei compiti e il tempo insufficiente a poterli portare a termine, impediva ai bambino anche di fare un riposino pomeridiano o andare a trovare i nonni.

Tutta questa pressione ha causato nel bambino dei sensi di colpa che gli hanno fatto detestare in qualche modo lo studio.

Ancora i metodi scolastici non cambiano e lo si vede in moltissime scuole di tutte le città italiane. Molte sono le mamme che si lamentano per questo, perché sono costrette a mettersi sedute con i loro bambini che essendo ancora piccoli, non riescono ad organizzare i compiti.

“E’ difficile dire quanto tempo gli studenti dovrebbero spendere nell’ apprendimento, ma sembra chiaro che molti studenti passano troppo tempo a studiare dopo la scuola; almeno più di quanto sembra ragionevole se vogliono condurre una vita equilibrata”
E’ il commento dell’Ocse riportato dal quotidiano La Repubblica.
Nella vita bisogna sorridere, giocare e correre.

Prendersi del tempo per andare all’aria aperta e incontrare altre persone.

Non è giusto abituare i nostri figli all’isolamento. Abbiamo stravolto la loro vita dal primo giorno di scuola. Momento in cui dovrebbero entrare nel mondo con la conoscenza, attraverso la cultura. E’ bello lettere, studiare e apprendere, ma la vita non è solo quella virtuale. Oltre a impararla, va anche vissuta.

Gli esperti affermano:

“Lo studio e l’apprendimento dopo la scuola non solo possono essere ingiusti, ma potrebbero anche essere un modo meno efficiente per raggiungere risultati migliori. I politici, le scuole, gli insegnanti, i genitori e gli studenti dovrebbero raddoppiare i loro sforzi per rendere più efficaci i tempi di apprendimento a scuola”.

Occorre un impegno che deve partire dal sistema scolastico che non può imporre agli insegnanti un programma così ampio da portare a termine entro un anno scolastico.
Si deve cambiare metodo e, se occorre attingere anche dai sistemi scolastici di altri Paesi Europei, che ben venga.

Si aiuteranno le nuove generazioni a vivere meglio senza pressioni né stress.

Troppi compiti. Come aiutare i bambini a vivere con meno stress?

  • Scegliere le attività extra-scolastiche, come la musica o lo sport, dando ai bambini anche il tempo per riposarsi.
  • Non sovraccaricarli troppo perché la loro scelta si ripercuoterebbe sui compiti.
  • I bambini si stancano se devono fare i compiti in fretta, prepararsi e andare a danza o a fare musica. Al rientro a casa devono ancora finire la matematica e ripetere le materie orali.

Questi ritmi frenetici durano tutto l’anno e questo non fa bene. Lavorano male e non riescono a concentrarsi.

Permettiamo ai nostri bambini di avere il tempo di giocare liberamente. E’ li che ritrovano se stessi.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close