Il caso dei bimbi cinesi che dormono a scuola per auto-quarantena

E’ accaduto a Padova: alcuni bambini cinesi hanno iniziato l’auto-quarantena a scuola, stabilendosi li. La regione Veneto, è stata coinvolta dall’effetto coronavirus come la regione lombarda, dove sono stati registrati i primi casi. La paura del contagio, della diffusione del virus, a cui si aggiungono la discriminazione, la paura del diverso, la teoria del complotto, i preconcetti e tutto ciò che alza i muri tra razze e etnie, che da sempre si sono scontrate in relazione a tutte le differenze esistenti, ed ora in relazione ad un virus, fuori controllo, che dalla Cina, è arrivato nel Nord Italia.

 A destare l’allarme, è stata proprio la coppia di turisti cinesi, ricoverati a Roma, che prima di arrivare nella Capitale, erano passati per il territorio veneziano. La possibilità di contagio dunque, aumenta: il virus, che non trova ostacoli sulla strada del contagio, ora insinua la paura che si diffonde più rapida dei contagi stessi. E’ la stessa paura a determinare episodi di discriminazione: a Padova, alcuni genitori con i loro figli cinesi, si sono messi in auto-quarantena nelle scuole.

Questa forma di auto-difesa è stata presa a seguito dei numerosi commenti razzisti e degli episodi discriminatori che si sono verificati a seguito dei primi casi e dei primi focolai registrati al Nord Italia, tra Lombardia e Veneto, per l’appunto. La scuola internazionale italo cinese, che si trova ad Arcella, ha per prima avviato questa quarantena volontaria: cosi come stabilito dall’OMS e dal Ministero della Salute, il periodo di isolamento deve essere pari a 14 giorni, durante i quali, sono vietati i contatti con altre persone. Gli studenti cinesi appartenenti a quell’istituto, rappresentano la maggioranza; hanno dunque scelto di isolarsi cosi come i loro genitori, che hanno scelto di avviare questo percorso di auto-isolamento insieme ai figli.

Molti di quei genitori, rientravano dalla Cina, per cui hanno scelto volontariamente di mettersi in auto-quarantena cosi come hanno fatto i loro figli. Altri casi provenienti da altri istituti sempre del Nord Italia che ospitano studenti di diverse nazionalità, dall’infanzia alla scuola superiore: molto bambini e ragazzi di nazionalità cinese, sono stati messi all’angolo dai loro compagni, discriminati e sbeffeggiati a causa del virus. Molti di questi, sono figli di genitori che viaggiano continuamente per lavoro, per cui, sono stati considerati possibili untori e di conseguenza sono stati isolati.

Visti questi particolari episodi, alcune mamme cinesi, hanno scelto di seguire i loro figli nelle scuole, o di allontanarsi dalle loro famiglie per poterle tutelare da eventuali episodi di discriminazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close