Sindrome del bambino scosso. Che cos’è, le cause e le conseguenze

La sindrome del bambino scosso è un disturbo causato dallo scuotimento del bambino da parte di chi lo accudisce. Viene fatto a causa del bisogno di calmarlo poiché spesso il neonato piange in maniera inconsolabile.

Perché un bambino che viene scosso può avere danni fisici tanto gravi? Come capire se i suoi disturbi sono determinati da questo genere di azione nei suoi confronti?

La nascita di un bambino è un momento meraviglioso, ma comporta molti sacrifici da parte dei genitori che devono accudirlo.
All’interno della famiglia avviene uno stravolgimento degli orari e degli impegni quotidiani.
L’allattamento, le notti insonni e poi le classiche coliche che gli causano molti disturbi. Il bambino piange molto forte e nonostante venga cullato e coccolato, è difficile poterlo consolare.
Un neonato può trascorrere la maggior parte del suo tempo a piangere, tra le richieste di cibo e i dolori addominali, ma non solo.

I primi mesi di vita sono davvero difficili. Occorre dedizione totale da parte della famiglia, ma anche tanta pazienza.

La madre si sente stanca perché ha già vissuto 9 lunghi mesi di attesa piene di ansie e di disturbi fisici. Arriva poi il dolore del parto e nella sua condizione si ritrova a non poter dormire più.
In questo momento così importante, occorre qualcuno che le dia una mano, ma questo spesso non accade. Così si ritrova da sola a prendersi cura di un bambino così piccolo.

Sindrome del bambino scosso che cos’è

Il periodo critico nello sviluppo del neonato, generalmente, va dalla seconda settimana al quinto mese di vita. Piange sia di notte che di giorno e i genitori sono costretti a fare i turni per reggere questi ritmi.
In questa fase chiamata «Purple crying», non è facile calmare un neonato perché ha tanti motivi per piangere.

  • L’adattamento alla vita fuori dal grembo materno dove si sentiva al sicuro.
  • La sensazione di solitudine.
  • La voglia del contatto fisico con la madre.
  • La fame.
  • Il sonno.
  • Deve essere cambiato
  • Mal di orecchio
  • Le dolorose coliche.

La neo mamma deve imparare dal modo in cui il bambino piange, quali sono le sue esigenze. Spesso perde la pazienza proprio perché non sa come aiutarlo. Crede che quel pianto sia solo un capriccio del bambino, fatto per poter essere messo in braccio.

Il pianto prolungato del neonato genera nella madre una forma di frustrazione, di panico, ma anche di rabbia.

Può perdere il controllo a causa dello stress e della stanchezza fisica. Arriva così a scuotere il figlio nel tentativo di farlo smettere di piangere. Questo gesto spesso viene sottovalutato.
Lo può scuotere muovendo forte la culla o gettandolo in aria.

Sindrome del bambino scosso, causa di morte prematura.

Secondo i pediatri la Sindrome da bambino scosso- SBS o «Shaken Baby Syndrome», è una delle principali cause di morte nel primo anno di vita.
Il 30% dei neonati scossi violentemente muore e l’80% riporta gravi danni permanenti come disabilità, paralisi, emorragie cerebrali, cecità e altri danni ancora.
Nei primi mesi di vita del neonato, il cervello e anche i muscoli del collo non sono del tutto sviluppati, al punto di resistere al trauma dello scuotimento.
Questo trauma è simile a un colpo di frusta e in un neonato, questa scarica di violenza può determinare gravi conseguenze, che si possono manifestare immediatamente o anche a distanza di tempo, persino di anni.

Sappiamo quanto la testa del bambino sia delicata. Per questo motivo si raccomanda quando si tiene in braccio, di sorreggerla bene e di non farla penzolare.

Scuotere un bambino è pericoloso

Fino a 6 mesi di vita, il neonato non ha il controllo della testa poichè ha i muscoli del collo molto deboli.
Giochi del tipo di far volare i bambini in aria sono sconsigliati fino al primo anno di vita.
Lo scuotimento potrebbe essere fatale anche se fatto una sola volta.
Sono questi i motivi:

  1. i muscoli del collo sono deboli
  2. la testa è pesante rispetto al resto del collo
  3. il cervello è molto delicato e in fase di sviluppo
  4. la struttura ossea del cervello è molto fragile e al suo interno ha una consistenza gelatinosa che si muove se viene scossa.
  5. l’adulto rispetto al neonato è molto forte.
  6. Conseguenze della sindrome del bambino scosso

Le conseguenze più devastanti possono essere la rottura dei vasi sanguigni che portano il sangue al cervello.

L’emorragia, comprimendosi sul cervello causano convulsioni e in casi gravissimi anche una paralisi.
Un’emorragia estesa alla retina può causare danni alla vista del bambino.
Altre conseguenze sono:

  • Disturbi dell’apprendimento
  • Disabilità fisiche
  • Sordità
  • Cecità
  • Disturbi comportamentali
  • Disturbi del linguaggio
  • Paralisi cerebrale
  • Epilessia
  • Ritardo psicomotorio e ritardo mentale
  • Morte

Quando correre al Pronto soccorso

I genitori o coloro che notano il bambino che non ha nessuna reazione devono portarlo subito al pronto soccorso, dove devono raccontare cosa è successo.
Capita spesso che viene nascosto l’accaduto, ma così si rischia di perdere del tempo prezioso.
I medici sono in grado di capire di cosa si tratta.

Programmi di prevenzione

Negli Stati Uniti sono stati introdotti programmi di prevenzione per aiutare le famiglie a comprendere meglio il pianto del neonato, ma anche a saper gestire meglio lo stress di questo periodo così importante.
Si evitano così delle azioni sgradevoli nei confronti dei più deboli.
Anche l’Italia si sta muovendo e per sensibilizzare i genitori, le famiglie e le puericultrici, la fondazione Terre des Hommes presenta “Non scuoterlo!”. E’ la prima campagna nazionale per la prevenzione della sindrome del bambino scosso. E’ stato fatto un video dove il protagonista è l’attore Alessandro Preziosi.
Esiste anche un sito informativo: Nonscuoterlo.it è il suo nome.

Si raccomanda ai bambini di giocare sempre con i loro fratellini, ma facendo sempre molta attenzione.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close