In crescita vertiginosa il diabete infantile: linee guida

diabete infantile
Il diabete infantile è sempre più diffuso

Il diabete infantile è in crescita vertiginosa: in Italia circa 20000 bambini e adolescenti sono affetti da suddetta patologia. La diffusione capillare del diabete, è avvenuta in particolare negli ultimi anni: ad oggi è la malattia endocrina che colpisce con maggiore frequenza. Gli esperti spiegano quali sono le cause di quest’aumento in particolare rispetto al diabete di tipo 2, nei bambini.

Il diabete di tipo 2, tende a colpire maggiormente gli adulti, mentre il diabete mellito, è largamente diffuso nei bambini, anche molto piccoli. Gli esperti spiegano che la riduzione progressiva della produzione di insulina dovuta alla distruzione delle cellule beta, ovvero delle cellule pancreatiche. Questa condizione comporta una riduzione della produzione di insulina, e di conseguenza un aumento di zuccheri nel sangue. Questi zuccheri vengono eliminati mediante le urine.

La sintomatologia del diabete infantile è la seguente: frequenti minzioni accompagnate da sete e dal bisogno costante di bere, stanchezza, alito acetonemico, dimagrimento, stato di torpore che può essere accompagnato da una perdita di coscienza. Generalmente i bambini manifestano alcuni di questi sintomi in particolare di notte: le continue minzioni accompagnate da sete, ne sono un esempio. I genitori dunque, devono conoscere perfettamente la sintomatologia del diabete infantile per scoprire se i loro figli sono affetti da suddetta patologia. Il test per il diabete infantile, vengono effettati mediante un prelievo di sangue.

Per i bambini che sono affetti da diabete infantile, è molto importante avere intorno un entourage familiare solido ma non restrittivo. La scoperta di una patologia del genere, in moltissimi casi tende a condizionare le scelte dei genitori in relazione ai propri figli e per i propri figli, imponendo una forma di iper-protezione che spesso invalida il paziente sin dalla tenera età. E’ importante che il diabete venga accettato da tutto il nucleo familiare per consentire al bambino che ne è affetto di gestire la propria patologia e imparare a rispettare la terapia da seguire.

Negli ultimi anni, il numero di bambini affetti da diabete è salito, ma allo stesso tempo i progresso si è fatto spazio: si è scoperto che non tutte le forme di diabete infantile sono uguali, e che spesso il diabete infantile non è su base autoimmune. Dunque, alcune forme di diabete possono essere curate diversamente: attualmente l’Italia è diventata una delle nazioni all’avanguardia nella cura del pancreas, ed infatti, sono stati ideati dei microinfusori e dei rilevatori istantanei di glicemia, che consentono di controllare in tempo reale e in modo costante il livello di zuccheri, cosi da evitare tutte le conseguenze apportate da questa patologia.