Educare i più piccoli all’uso corretto delle tecnologie

I nativi digitali, nascono in un mondo computerizzato, tecnologico, quasi del tutto virtuale. La loro esistenza, è immediatamente catapultata in una realtà “futuristica”, intangibile. I piccoli, tendono a conformarsi immediatamente a questa realtà, prima sotto l’impulso imitativo, in seguito in modo assolutamente autonomo. I nativi digitali, sono figli di una generazione che è già di per sé abituata all’utilizzo di internet e dei new media, e che si spacca di fronte ai benefici che l’uso di queste nuove tecnologie potrebbero apportare. Da un lato, dunque, ci sono coloro che preferiscono non abituare i piccoli all’utilizzo dei new media, ed altri che invece favoriscono per un tempo limitato l’uso smartphone e tablet.

La domanda è: E’ possibile educare i più piccoli ad un uso corretto della tecnologia? Per molti studiosi di comunicazione ed esperti, l’utilizzo dei media è necessario, perché nell’era della modernizzazione, dove il digitale ha soppiantato l’analogico, è impensabile che i piccoli, non vengano abituati all’utilizzo delle nuove tecnologie. L’uomo, si è evoluto nel tempo, realizzando nuovi mezzi e strumenti adatti alla sua sopravvivenza e alla sua evoluzione; nell’era attuale, è attraverso il digitale che l’uomo si evolve.

Sicuramente dunque, l’utilizzo immediato delle nuove tecnologie, apporta dei vantaggi e insegna ai piccoli a rapportarsi in modo immediato delle tecnologie, ma è allo stesso tempo necessario mettere in luce in luce il fatto che l’abuso da parte dei piccoli delle nuove tecnologie, può apportare seri danni al cervello e di conseguenza anche al comportamento dei bambini. Il primo fattore che è necessario prendere in analisi, è la discriminazione delle immagini: i più piccoli, non sono quasi mai in grado di distinguere la finzione dalla realtà, per cui, se sottoposti ad un flusso incostante di informazioni e di conseguenza di immagini, possono non discernere ciò che è vero da ciò che non lo è.

Inoltre, i bambini non sanno come “proiettare” la propria immagine, per cui, spesso, (anche e soprattutto gli adolescenti), sono incapaci di comprendere come proiettare la loro immagine sui social, e di conseguenza nel mondo virtuale. Questo accade anche perché spesso esiste una netta discrepanza, tra ciò che si è realmente e ciò che si vuole mostrare per creare un amalgama con la rete.

Gli smartphone, hanno cambiato il modo di pensare e di agire delle persone: sono dispositivi potentissimi, grazie ai quali è possibile chattare, parlare, leggere, informarsi, istruirsi, inviare mail, e persino acquistare. Moltissime operazioni sono possibili grazie ad un dispositivo come lo smartphone e ad internet, ed è per questo che è assolutamente necessario educare i bambini all’uso delle tecnologie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close