Bambini all’aperto anche con il freddo. Ecco i motivi per uscire anche d’inverno

bambini all'aperto

Non si deve temere di tenere i bambini all’aperto anche quando fa freddo. In questo modo li rendiamo felici e gli permettiamo d’irrobustire le loro difese immunitarie e crescere così forti e sani.

Con l’arrivo dei primi freddi, si riducono le uscite fuori porta e così si trascorrono i mesi invernali come se si stesse in letargo.

I bambini soffrono di questo perché hanno bisogno di uscire per divertirsi ed esplorare ogni cosa che li circonda. I bambini all’aperto sono più felici.

Molte mamme temono che i loro bambini possano prendere il raffreddore o addirittura la bronchite. Così sono davvero poche le occasioni di svago e di incontro anche con i coetanei.

Sono i pediatri stessi a consigliare che uscire di casa anche d’inverno non fa che bene alla loro salute.

Molti bambini che rimangono a lungo a casa, sono sempre raffreddati e con sintomi allergici. Restare al chiuso, tra le mura domestiche non fa bene alla salute. Uscire poi solo per andare al nido o alla scuola materna non fa che aumentare il rischio di contagio e di raffreddore.
I bambini non sono abituati alle basse temperature. Escono di casa ed entrano a scuola dove trovano una temperatura calda. Rimanendo per delle ore a contatto con gli altri bambini avviene un aumento del rischio di contrarre infezioni respiratorie. Da questo scsturisce, il fatto di avere spesso la febbre e il raffreddore.

Come comportarsi durante i mesi freddi? Come fare a portare i bambini all’aperto?

Non possiamo sempre far giocare al chiuso i nostri bambini. Anche con le temperature basse, hanno bisogno di respirare aria pura e scaricare tutta la loro energia.

Vediamo allora tutti i motivi per far giocare i bambini all’aperto anche d’inverno senza la paura di rischiare che si possano ammalare.

Bambini all’aperto. Più aria pulita per delle difese immunitarie forti.

  • I bambini devono uscire fuori di casa anche quando fa freddo. Basta coprirsi bene. E’ importante che indossino cappelli e copri orecchie per evitare otiti e guanti e sciarpe di lana. In questo modo non corrono nessun rischio di raffreddarsi o peggio di essere colpiti dalla bronchite.
  • Gli ambienti di casa restano spesso chiusi e l’aria si fa pesante. Ci sono gli acari della polvere che accentuano le forme allergiche e quando i bambini sono raffreddati non guariscono più. Si verificano durante l’anno episodi febbrili frequenti e i bambini sono costretti ad assentarsi spesso da scuola. Questo accade perché non si sono costruiti una barriera immunitaria forte. Quando escono anche per poco o stanno a contatto con compagni raffreddati, vengono attaccati immediatamente.

Bambini all’aperto. Più attivi, calmi e concentrati.

  • E’ impossibile restare tutto il periodo invernale chiusi in casa. Anche i bambini molto piccoli hanno bisogno di scaricare la loro energia. Se non gli si permette di correre e arrampicarsi, mostrano la loro aggressività sia a casa che a scuola.
  • Spesso appaiono apatici e svogliati. Quando devono fare i compiti non mostrano interesse e non riescono a concentrarsi. Sono pigri e sonnolenti. Invece, i bambini che frequentemente fanno attività all’aperto, sono pieni di energia. Sono sempre attivi e pieni di voglia di fare. Hanno un maggiore rendimento scolastico e se devono svolgere un tema, hanno più cose da dire.

Bambini all’aperto più socievoli e con maggiori stimoli.

Bambini che giocano spesso assieme, mostrano un carattere più socievole. Difficilmente sono chiusi e introversi. Sono più intraprendenti e in caso di difficoltà riescono facilmente a sbrigarsela da soli.

  • Esplorando il mondo esterno, i bambini ricevono maggiori stimoli e crescono con un’ intelligenza superiore ai loro coetanei. Sono dei bravi osservatori e difficilmente si fanno sfuggire le cose. Quando giocano nella natura, la loro sensibilità è più accentuata. Si riflette anche nei confronti degli animali, delle piante e anche nei confronti dei più deboli.

Bambini all’aperto più sani e meno sedentari

  • L’aria pura, l’ossigeno grazie allo stretto contatto con le zone verdi, lontane dal traffico e dallo smog, aiuta i bambini a crescere sali. Hanno meno rischio di allergie e le vie respiratorie sono libere da batteri pericolosi. Il contatto con la luce e i raggi del sole, alimentano l’organismo e lo arricchiscono di vitamina D. Questo gli permette di crescere con uno scheletro sano e allo stesso tempo ridurre i rischi di raffreddamento.
  • Riducendo il tempo da trascorrere a casa, si evita che i bambini restino per lunghe ore d’avanti alla TV o al PC. Non solo a lungo andare possono avere problemi alla vista, ma una cattiva postura crea dei problemi di salute allo scheletro. Sorgono problemi come la scoliosi, i problemi della zona cervicale e anche lombare.
  • Andando fuori casa in bicicletta, facendo lunghe passeggiate e correndo e arrampicandosi, i nostri bambini cresceranno sani e con delle buone abitudini.

Per concludere, anche d’inverno con il freddo e con la neve, è molto sano uscire fuori casa. Ci sono delle belle giornate di sole nella stagione più fredda dell’anno. Si possono organizzare gite fuori porta. Andare sulla neve o sui prati nelle giornate soleggiate. Organizzare un pic nic con altre famiglie in cui ci sono altri bambini.

Tutto sarà fatto all’insegna dello svago e della voglia di mangiare assieme agli altri. Uscire di casa è solo la migliore cosa da fare.