Abbigliamento scolastico. I bambini cosa devono indossare

Abbigliamento scolastico. I bambini cosa devono indossare

Per la scuola, i bambini hanno bisogno di un abbigliamento comodo, che permetta loro di potersela cavare da soli e  quindi lo possono togliere facilmente senza l’aiuto di un adulto. Soprattutto, deve permettere il movimento libero e la giusta traspirazione.

Con il rientro a scuola, si corre agli acquisti di magliette, jeans e scarpe, approfittando soprattutto degli sconti di fine stagione estiva.

I primi mesi di scuola, fa ancora caldo, quindi bisogna orientarsi su capi di abbigliamento leggerissimi, considerando anche che si è in tanti in una classe. Di conseguenza, i bambini si accaldano e sudano facilmente rischiando di prendersi un colpo d’aria.

I mali di stagione sono assai frequenti, in questo periodo, bisogna fare molta attenzione alla scelta dei tessuti e quanti strati far indossare al bambino.

Le mamme entrano in crisi perché sanno che i loro bambini a casa si fanno aiutare e perciò per la scuola non sanno bene quale sia la scelta migliore, sull’abbigliamento. Se vogliono andare sul sicuro, devono sicuramente tralasciare vestiti con lacci e abbottonature particolari. Lo stesso vale per le scarpe.

Abbigliamento semplice e pratico.

Bisogna optare per la praticità per evitare che il bambino, a scuola e soprattutto alla materna si possa trovare in difficoltà.

E’ necessario evitare vestiti di marca, perché a scuola ci si sporca dato le varie attività che si svolgono. Se i bambini devono fare una gita in una fattoria didattica toccheranno la terra, impasteranno il pane e mangeranno. I vestiti di cotone e specie le magliette bianche sono la scelta più indicata, poiché sono facili da smacchiare e da candeggiare.

In molte scuole si usa indossare il grembiule sui vestiti e per questo motivo, si devono scegliere maglie semplici senza cappuccio che non farebbero che far sentire il bambino goffo e scomodo.

Molti utilizzano la tuta per tutti i giorni o soltanto per l’attività di educazione motoria. Per evitare che il bambino possa accaldarsi troppo, specie il primo periodo che condurrà all’autunno, farà comodo la tuta in cotone che essendo fresca impedirà al bambino di sudare. In pieno inverno, invece, si passerà alla tuta felpata che lo riparerà dal freddo.

Sotto alla tuta, è indicata la maglietta di cotone a maniche corte per poi passare a quella con le maniche lunghe.

Per una maggiore igiene, è bene che il bambino abbia più di una tuta da cambiare settimanalmente e fuori dalla scuola, è preferibile, toglierla e indossare altri capi di abbigliamento.

Specie, per i più piccoli è consigliato mettere nello zaino dei cambi sia per la maglietta che per il pantalone. Sarà cura dell’insegnante verificare che il bambino non sia troppo sudato e in tal caso, la maglietta di cotone andrà sostituita.

Per quanto riguarda la scelta dei pantaloni in generale, è meglio scegliere quelli con l’elastico in vita, per aiutare il bambino ad andare velocemente in bagno senza il rischio di sporcarsi se non dovesse essere capace di abbassare i pantaloni.

Anche le scarpe devono essere scelte con cura e se il bambino non è ancora capace di allacciarle, è meglio optare per quelle con la chiusura a strappo. Inoltre devono essere comode e leggere, con effetto traspirante e con la possibilità di poter sostituire la suola interna per essere lavata spesso.

Evitare perciò lacci, fibbie, borchie e cerniere con cui il bambino potrebbe ferirsi e ferire gli altri.

Quale grembiule scegliere.

Molte scuole utilizzano il grembiule e in questo caso bisogna fare attenzione alle taglie. Considerando che con l’arrivo della stagione fredda, si indosseranno anche delle maglie più grosse, per maggiore comodità è meglio scegliere almeno due taglie in più. In nove mesi il bambino crescerà e si eviterà così di dover acquistare un nuovo grembiule in corso d’anno e  rischiare di non trovarne più.

E’ inoltre più comodo acquistare almeno due grembiuli in maniera di poterli sostituire nel corso della settimana quando si sporcano.

Quando fa freddo coprirli di meno.

Sembra un controsenso, invece non lo è perché generalmente le scuole attrezzatissime hanno i riscaldamenti accesi tutta la stagione invernale. Se i bambini fossero troppo vestiti, si accalderebbero troppo. La conseguenza è uscire dalla scuola e lo sbalzo di temperatura diventa la causa di malanni frequenti.

Pertanto, non bisogna esagerare e scegliere sempre maglie fresche di cotone ed eventualmente qualche altra maglie che all’occorrenza si può sfilare via.

La cosa importante è avere cura di portare cappelli, guanti e sciarpe di lana da conservare nello zaino, per essere indossati uscendo dalla scuola. Sono utili anche i cappotti o le impermeabili nelle giornate di pioggia. Le galoches sono utili quando c’è pioggia, ma appena giunti in classe è meglio toglierli per indossare scarpe asciutte e più comode.

Se si utilizzano gli ombrellini, meglio portarli via dopo aver accompagnato i figli a scuola, per evitare che i bambini ci possano giocare e utilizzarli contro i compagni ferendoli.

La praticità e la qualità dei capi sono i principi da prendere in considerazione per assicurare al bambino di vivere in libertà e in salute.