SIDS, cos’è e come si previene

Ogni tanto si sente parlare della SIDS, negli ultimi tempi più che mai. In questo articolo cerchiamo di riassumere i punti più importanti.

SIDS (Sudden Infant Death Syndrome) è conosciuta anche in italiano come la sindrome della morte improvvisa del lattante. Viene chiamata anche la “morte in culla” perché i neonati vengono trovati morti proprio li. E’ il decesso improvviso del bambino con meno di un anno di età. La maggior parte dei casi comunque si verifica tra i 2 e i 4 mesi. E’ la prima causa di morte tra i neonati.

Particolarmente colpiti dalla SIDS sobo i neonati degli indiani d’America o di alcune tribù dell’Alaska, poi ci sono i bambini afroamericani e infine quelli caucasici.

La SIDS in Italia

Secondo le statistiche la SIDS in Italia ha un’incidenza dello 0,5 per mille, almeno secondo quelle del 2011. Si manifesta portando alla morte improvvisa del lattante sano. Anche gli esami post-mortem non evidenziano le cause e resta sempre inspiegata. Quando soccorsi prontamente possono essere rianimati e si parla in questo caso di near miss SIDS. Il rischio in questo caso, anche piuttosto elevato, è quello che vi siano lesioni cerebrali permanenti.

Esistono fattori di rischio?

Secondo alcuni studi si, ma è comunque impossibile capire qual è la causa. Ci sono fattori di rischio imprevedibili, come l’età del bambino (meno di 1 anno), l’essere nato prematuro e la stagione invernale. Sono cose su cui non c’è controllo. Ci sono poi fattori di rischio prevedibili.

Uno dei fattori principali è la posizione durante il sonno. Dovrebbe stare sempre in posizione supina e mai d’un fianco o a pancia in giù. Tra le altre cose modificabili troviamo il fumo di sigaretta nell’abitazione o se la madre dumava in gravidanza. Alimentazione insufficiente in gravidanza o consumo di alcol o eroina. Può provocare la SIDS anche l’uso di troppe coperte o di troppi vestiti, infezioni respiratorie.

Alche dormire con i genitori aumenta le possibilità, soprattutto quando uno dei due o entrambi fumano, fanno uso di droghe o alcol.

E’ stato sottolineato più volte come sia proprio il fumo passivo ad aumentare il rischio della sindrome. I bambini morti per questo motivo tendono ad avere spesso una maggiore concentrazione di nicotina nei polmoni.

Come prevenirla la SIDS

  • Dovete far dormire il bambino a pancia in su sempre, sia la notte che durante i pisolini.
  • Non fumate in casa ma solo fuori, se proprio non riuscite a smettere. Non deve esserci fumo di sigaretta nell’ambiente dove dorme il bambino o dove soggiorna.
  • La stanza dove dorme vostro figlio non deve essere troppo calda, la temperatura ideale è tra i 18 e i 20 gradi. Non deve neanche essere coperto troppo o dormire lontano dalle fonti di calore.
  • Il bambino non dovrebbe dormire nel letto con i genitori ma nella sua culla.
  • Il ciuccio sembra essere un altro fattore che aiuta a prevenire la SIDS.
  • Nella culla non devono starci oggetti che potrebbero in qualche modo limitarne la respirazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close