Mangiarsi le unghie. Come aiutare i bambini a togliere questa cattiva abitudine.

Mangiarsi le unghie è un vizio che molti di noi hanno avuto da piccoli e che crescendo abbiamo dimenticato. Spesso può essere il sintomo di qualche disturbo a livello emotivo che i genitori devono riuscire a risolvere.

Sono tanti i bambini che rosicchiano le unghie. Molti di loro le mangiano talmente a fondo da causare delle infiammazioni alle dita che con il tempo assumono forme strane.
Come fare in modo che i bambini si tolgano questo brutto vizio e perché hanno iniziato?

Molte mamme dissuadono i figli dal mangiarsi le unghie poiché è poco igienico. Le mani non sono mai totalmente pulite, sono veicolo di batteri e infezioni e le dita tenute in bocca non danno una bella impressione.
Purtroppo questa non è un’abitudine da togliere facilmente e anche provandoci, i bambini non vi riescono.

Purtroppo, quello di mangiarsi le unghie non è solo un problema di cattiva igiene.

I genitori non ricordano nemmeno quando i loro figli hanno iniziato. Fatto sta che la cosa può durare per anni fino all’adolescenza e a volte anche in età adulta.

Mangiarsi le unghie tecnicamente si chiama onicofagia e di solito inizia a partire dei 6 anni, età in cui i bambini affrontano la scuola e tutti gli impegni che comporta. Devono crescere all’improvviso ed assumersi delle responsabilità che sono più grandi di loro. La mole di compiti, le lunghe ore da passare seduti e poi le rinunce ai giochi che facevano prima.

I bambini si sentono catapultati in una dimensione nuova, lontana dall’essere bambini piccoli, anche se vorrebbero restarsene accoccolati a casa tra braccia sicure.

L’atto di mangiarsi le unghie, secondo le statistiche riguarda il 30% dei bambini e il 45% degli adolescenti.
Questo comportamento così assai diffuso dovrebbe essere meglio attenzionato. Riguarda bambini particolarmente sensibili che sono disturbati da un ambiente difficile con un clima teso che li rende ansiosi e impauriti.

Per i bambini l’atto di portarsi qualcosa in bocca e rosicchiarla gli dà un senso di distensione. Sfogano la rabbia e l’ansia.
Il fatto di mangiarsi le unghie al punto di farsi anche male è un atteggiamento autopunitivo ed è per questo motivo che vanno ricercate le cause di questo comportamento.

Secondo gli psicologi alla base di questa cattiva abitudine, vi è un senso di inadeguatezza, paura e insicurezza che il bambino non riesce a gestire, al punto di trasferire le sue angosce su un fatto che lo consola.

Le cause possono essere la nascita di un fratellino, l’inizio della scuola, litigi in famiglia e difficoltà a relazionarsi con i coetanei.

Per evitare di mangiarsi le unghie esiste una soluzione?

Non esiste una vera e propria soluzione, ma i genitori devono aiutare i bambini a superare il loro disagio, qualunque sia il motivo.

Specialmente se i bambini sono molto piccoli, punirli causerebbe l’effetto contrario, poiché loro hanno bisogno di essere rassicurati.
Bisogna soltanto spiegare ai bambini che quella di mangiarsi le unghie è una cattiva abitudine che fa male alla salute.

Per capire cosa turba il bambino è bene osservarlo per scoprire quali sono i momenti in cui ama mangiare le unghie.
Potreste notare che lo fa prima di andare a scuola, o la sera quando arriva il papà perché teme che possa litigare con la mamma oppure quando deve fare i compiti o deve sostenere una prova importante.

Per aiutarli bisogna essere sempre affettuosi con loro e instaurare un dialogo.

Quando i figli sono degli adolescenti e mangiano ancora le unghie, non bisogna sottovalutare questo segnale perché potrebbe nascondere delle angosce accumulate da tempo e che potrebbero trasformarsi in qualcosa di davvero grande.
Anche se a volte è molto difficile aprire un dialogo con i figli, bisogna sforzarsi di non essere troppo severi e scendere a un livello inferiore per aiutarli e fargli capire che l’aiuto di mamma e papà ci sarà sempre.

In questo modo si dà modo ai bambini di potersi aprire ed esternare i propri turbamenti.
Lo sport può essere un mezzo per aiutarli a sfogare la rabbia. Li tiene impegnati e li stanca. I bambini molto piccoli hanno bisogno di correre e di stare molto tempo all’aria aperta. In questo modo si mostreranno meno aggressivi e anche se sono soggetti chiusi e taciturni, saranno più disposti al dialogo.

Constatati i motivi che spingono i bambini a mangiarsi le unghie e a dimostrare disagio, cercate di risolvere il problema alla radice. Se nonostante lo sforzo da parte dei grandi la situazione non cambia, non esitate e consultate uno psicologo infantile.

L’onicofagia può essere accompagnata ad altri sintomi come i pianti durante il sonno, la pipì a letto, problemi alimentari e difficoltà a socializzare.

Con un aiuto terapeutico si fa capire al bambino che lui non ha nessuna colpa di quanto sta accadendo. In questo modo acquisterà sicurezza e inizierà un cammino fatto di maggiore serenità ed equilibrio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close