Attacchi di panico nei bambini: sintomi e cause

Anche i bambini possono soffrire d’ansia, così come possono arrivare a sperimentare veri e propri casi di depressione. Durante l’infanzia una persona può soffrire anche di attacchi di panico. Può trattarsi di episodi sporadici così come frequenti. Ma come si manifestano e cosa è il caso di fare?

Quali sono i sintomi degli attacchi di panico nei bambini?

I sintomi degli attacchi di panico nei bambini sono in un certo senso molto simili a quelle sperimentate dall’adulto. Qualche differenza ovviamente c’è. Nei bambini molto piccoli è accentuato l’aspetto somatico. Vale a dire che sperimentano il senso di soffocamento e la tachicardia. Ci sono poi i sintomi psichici, come la paura di morire (non in senso generale, ma che accada proprio in quel momento) o di impazzire, vampate di calore, sudorazione eccessiva, agitazione, vertigini e tremore.

Rassicurate vostro figlio

Un bambino è normale che provi ansia, ad esempio quando deve separarsi per la prima volta dalla mamma. Quando deve affrontare il primo giorno di asilo o di elementari. Non tutti i bambini la provano per questi motivi, possono esserci anche altre cause dietro. Come ad esempio i continui litigi dei genitori, la loro separazione, vedere un genitore o un parente con il quale passano molto tempo assumere atteggiamenti strani (non necessariamente nei loro confronti) etc.

L’ansia insomma, secondo gli esperti, è normale in un bambino e anzi, è una tappa importante del suo sviluppo. Il problema è rivestito in realtà da come il bambino gestisce quest’ansia. E’ in grado di controllarla? Il bambino può controllarla meglio o peggio di un altro ma sembra che una parte importante deve essere rivestita dai genitori. Sta a voi infatti riuscire a rassicurarlo. Davanti a un forte stato d’ansia del bambino o davanti a un suo attacco di panico, la scelta meno saggia è quella di farvi prendere anche voi dall’ansia e dal panico. Se vi spaventate non fate altro che gettar ancora più ansia al bambino, facendo aumentare così la vostra che porta a un nuovo aumento della sua. E’ un circolo vizioso dal quale è difficile uscire perché l’ansia viene sempre alimentata.

Dovete restare calmi, rassicurarlo, fargli capire che tutto è perfettamente sotto controllo. Non è facile è vero, è perfettamente normale andare in apprensione quando si vede il bambino affrontare un attacco di panico. Tuttavia dovete controllarvi per il suo bene, evitando a vostra volta un attacco di panico o iniziare, peggio ancora, a urargli contro. Non dovete insegnare al bambino che tutto questo è sbagliato, perché non lo è manifestare l’ansia. Dovete rassicurarlo e un po’ alla volta insegnarli a controllarla.

Ricordatevi comunque che gli attacchi di panico nei bambini sono spesso transitori, così come si può manifestare solo una o due volte. Altre volte invece può comparire più frequentemente, interferendo anche con il suo benessere. Questi forti stati ansiosi possono influire negativamente sul ciclo sonno-veglia, così come sull’alimentazione e il rendimento scolastico.

Davanti a un attacco di panico del bambino può essere opportuno rivolgersi un esperto per ottenere giusti consigli.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close