I cibi che i bambini odiano di più, ecco quali sono e come camuffarli

Ogni giorno è compito di ogni genitore preparare cibi nutrienti, ma soprattutto appetitosi per i loro bambini.

 

Il sapore e l’aspetto ottimo del cibo che viene preparato per i bambini è fondamentale.

Fa si che non facciano capricci e riescano a mangiare tutta la porzione che hanno nel piatto.

Sappiamo però che ci sono bambini che mangiano di tutto e altri che fanno capricci. Hanno difficoltà a ingoiare i cibi e non amano tutti i piatti.

C’è chi non ama gli spaghetti al pomodoro e chi li adora; c’è chi preferisce la cotoletta e chi farebbe di tutto per mangiare il pesce.

La maggior parte dei bambini detesta le verdure. Poiché si tratta di un alimento sano ricco di vitamine e sali minerali è importante che le assumano quotidianamente.

Ecco che ogni mamma deve trovare delle strategie.

Quando i bambini sono molto piccoli è più facile raggirarli. Sembra brutto a dirsi perché sarebbe meglio che si rendessero conto di ciò che mangiano.

Per garantirgli un apporto giornaliero di alimenti ricchi di tutti le sostanze di cui necessita l’organismo, si giunge a cercare delle soluzioni traverse.

I cibi che i bambini odiano di più

– Tutti sanno che i bambini non amano i broccoli. Effettivamente non è che sia tanto gradevole il loro odore e anche il gusto non fa impazzire. Poiché sono ricchi di calcio e vitamine che proteggono gli occhi e alzano le difese immunitarie, è importante inserirli nella loro dieta. Potremmo lessarli e poi unirli alla passata di pomodoro se amano mangiarla con la pasta.

Le polpette sono un alimento molto amato dai bambini. Dato che è difficile che mangino le verdure, le possiamo inserire in questa ricetta. E’ sufficiente impastare del pane ammollato o delle patate lessate schiacciate, aggiungervi il parmigiano grattugiato, carne tritata e verdure in abbondanza. Li potete cuocere al forno, alla piastra o aggiungerli al sugo. Sono una prelibatezza.

– Se vorrete realizzare un piatto freddo, potete affettare carote, pomodori, finocchi, ravanelli e utilizzare il piatto come un quadro. Create visi, barchette, animaletti di tutte le forme e le dimensioni. E via a inventare storie mentre si mangia.

Come camuffare i cibi

– Anche gli spinaci non sono molto amati. Sono un fonte di ferro e sarebbero consigliati nella dieta dei più piccini. Bisogna lessarli con pochissima acqua e combinarli nei tortini al forno, sulla focaccia o la pizza. Se proprio dovete nasconderli, frullateli e ricorrete al rosso del pomodoro e all’arancione delle carote per rendere il vostro piatto più allegro. Realizzate una vellutata o un dolce, aggiungendovi della frutta e un cucchiaino di zucchero di canna.

– Dato che alla maggior parte dei bambini piace le patatine fritte, potete utilizzare la barbabietola tagliandola allo stesso modo. Anziché friggerla, cuocetela al forno e poi servitela con il ketchup che a loro piace tanto. Rappresenta un piatto energetico.

– Anche i cavolini di Bruxelles non sono quello che non si può dire il massimo per il palato dei nostri bambini. Lessateli e con le uova preparate delle torte salate. Cuoceteli con il burro e preparate un appetitoso contorno a carne e pesce. Per insaporirlo ulteriormente, aggiungete dello speck. Sono ricchi di fibre e vitamina K e C.

– Solitamente il pomodoro è uno degli alimenti base utilizzato per insaporire sia il primo che il secondo. Quando lo passate aggiungetevi aglio, cipolla, broccoli, melanzane e a rotazione tutte verdure di stagione che mantengono in salute i vostri bambini. Fatelo, se siete sicuri che difficilmente mangeranno determinati cibi. Almeno fino a quando non iniziano ad abituarsi al loro singolo gusto.

Queste strategie dovranno finire prima o poi. I bambini dovranno prendere consapevolezza che i cibi vanno assaporati. Devono imparare il loro nome e come cresce ogni piantina fino a giungere alla nostra tavola.

Per stimolarli a mangiare, coinvolgeteli in cucina, nella preparazione dei piatti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close